Ora pensate ai veri problemi dell’Italia

– DI ANTONIO MAGLIE –  Renzi ha avuto la sua Waterloo. Se l’è pure cercata obbligando il Paese a porre al centro della sua vita pubblica un tema, la riforma costituzionale, che non era una priorità e che serviva soltanto per offrire una personale immagine decisionista ai circoli politici e finanziari internazionali che anche con…

Statali,contratto, referendum: giù le mani dai lavoratori

-di ANTONIO MAGLIE- Se una pessima campagna elettorale si limita allo scontro dialettico scomposto e sguaiato tra esponenti politici e tra partiti, poco male: i cittadini-elettori potranno rammaricarsi per il modesto livello del confronto ma poi tornerebbero serenamente alle occupazioni quotidiane. Ma se la campagna elettorale finisce per lambire i lavoratori mettendo in discussione il…

Se la sinistra è prigioniera del moderatismo

-di ANTONIO MAGLIE- In questi giorni circola un appello sottoscritto da alcuni intellettuali europei e promosso da un gruppo di politici in servizio permanente effettivo o temporaneamente in stand by. Riguarda l’Europa in particolare, ma più in generale la crisi della politica minacciata da quelli che con definizione troppo generica vengono chiamati partiti populisti, una…

Renzi, pensa al merito e lascia perdere lo spread

-di ANTONIO MAGLIE- Con un tempismo decisamente inelegante, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha commentato la piccolissima boccata di ossigeno sul fronte della crescita del Pil, con questo tweet: “Con le riforme sale il Pil, senza riforme sale lo spread”. Preventivamente va detto che tutto questo trionfalismo è a dir poco fuori luogo per…

In gioco il cambiamento? No, democrazia e diritti

-di ANTONIO MAGLIE- La vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali americane accompagnata dall’ultima debacle dei sondaggisti (non è che in questi anni abbiano sbagliato solo negli Usa) ha avviato un coro, a livello di opinionisti, così sintetizzabile: “Vince il cambiamento”. La parola “cambiamento” ha assunto lo stesso significato generico della parola “riforma”. Per decenni,…

La libertà di espressione può produrre anche brutte vignette

Alcune vignette pubblicate da Charlie-Hebdo sul terremoto di Amatrice hanno scatenato polemiche, anche molto violente soprattutto sul web. Un dato è certo: quelle vignette sono brutte e travalicano abbondantemente il limite del buon gusto. Esattamente come quelle sui musulmani e sul piccolo Aylan. Ma noi crediamo fermamente nella libertà di pensiero e di espressione (articolo…