Ultimi Articoli

1° maggio: il sindacato torna a Portella della Ginestra


Ritorno a Portella, 70 dopo quella che a tutti gli effetti può essere definita la prima strage di stato. Era una giornata di festa, il ritorno del 1° maggio dopo che il fascismo aveva provato a organizzare una sua personale narrazione spostandola al 21 aprile, Natale di Roma. Doveva essere un momento di allegria, il ritorno alla normalità dopo il fuoco della guerra. Invece arrivò altro fuoco, quello della Banda di Salvatore Giuliano: undici lavoratori morti, altri tre che perirono giorni dopo per le ferite riportate. Quest’anno Cgil, Cisl e Uil festeggeranno la festa dei lavoratori il 1° maggio in quel luogo denso di significati tragici ma anche pieno di voglia di riscatto. Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, segretari rispettivamente di Cgil, Cisl e Uil lo hanno deciso. Servirà a onorare la memoria, a tramandarla ma anche a sottolineare, in un luogo simbolico, che mai come in questo momento la difesa del lavoro e dei lavoratori è una questione di civiltà in una società che attraverso il progresso tecnologico sta conoscendo il regresso di valori straordinari come quelli della partecipazione, del rispetto nei confronti degli altri, della tolleranza, dell’impegno costante e determinato a vantaggio dei più deboli. Nulla può essere mai dato per scontato: ritornare a Portella serve per riprendere una battaglia che in questi anni, sotto la spinta del pensiero unico neo-liberista, ha subito troppi arretramenti. E per ricordare quel giorno di settant’anni fa, abbiamo pensato di riproporre la poesia di Ignazio Buttitta.

portellalo8

PORTELLE DELLE GINESTRE

di IGNAZIO BUTTITTA

Nta lu chianu dâ Purtedda chiusa a ‘n menzu a ddu’ muntagni
c’è ‘na petra supra l’erba pi ricordu a li compagni.
A l’addritta nni ‘sta petra a lu tempu di li Fasci (1)
un apostulu parrava di lu beni pi cu nasci.
E di tannu finu a ora a Purtedda dâ Ginestra
quannu veni ‘u primu maggiu ‘i cumpagni fannu festa…

E Giulianu lu sapìa ch’era ‘a festa di li poveri,
‘Na jurnata tutta suli doppu tantu tempu a chiòviri
Cu ballava, cu cantava, cu accurdava li canzuni
E li tavuli cunzati di nuciddi e di turrùni!

Ogni asta di bannera, era zappa, vrazza e manu
Era terra siminata, pani càudu, furnu e granu.

La spiranza d’un dumani chi fa ‘u munnu ‘na famigghia
La vidèvunu vicinu e cuntavunu li migghia,
l’uraturi di ddu jornu jera Japicu Schirò,
dissi: « Viva ‘u primu maggiu », e la lingua ci siccô.

Di lu munti ‘i la Pizzuta ch’è l’artura cchiù vicina
Giulianu e la so banna scatinô ‘a carneficina.

A tappitu e a vintagghiu,
mitragghiavunu la genti
Comi fauci chi meti
cu lu focu ‘ntra li denti,
c’è cu cianci spavintatu,
c’è cu scappa e grida ajutu,
c’è cu jetta ‘i vrazza a l’aria
a difìsa comu scutu..

E li matri cu lu ciatu,
cu lu ciatu – senza ciatu:
– Figghiu miu, corpu e vrazza
comu ‘nchiommur’ aggruppatu!

Doppu un quartu di ddu ‘nfernu, vita, morti e passioni,
‘i briganti si nni jeru senza cchiù munizioni,
arristàr a menzu ô saŋŋu e ‘ntà l’erba di lu chianu,
vinti morti, puvireddi, chi vulìanu un munnu umanu..
E ‘nta l’erba li ciancèru matri e patri agginucchiati,
cu li lacrimi li facci ci lavàvunu a vasàti.

Epifania Barbatu, cu lu figghiu mortu ‘nterra dici:
« A li poveri, puru ccà, ci fannu a guerra… »
Mentri Margarita la Glisceri, ch’era ddà cu cincu fìgghi
arristô morta ammazzata, e ‘nto ventri avea ‘u sestu figghiu…

‘A ‘ddu jornu, fu a Purtedda, cu ci va doppu tant’anni,
vidi morti ‘n carni e ossa, testa, facci, corpa e jammi,
vivi ancora, ancora vivi e ‘na vuci ‘n celu e ‘n terra,
e ‘na vuci ‘n celu e ‘n terra: O justizia, quannu arrivi?
O giustizia, quannu arrivi?!!

PORTELLA DELLE GINESTRE (in italiano)

Nel piano della Portella chiusa in mezzo a due montagne
c’è una roccia sopra l’erba per memoria ai compagni
Alla destra nella roccia al tempo dei Fasci
un apostolo ci parlava donde proviene tutta la ricchezza.
E da allora fino a oggi a Portella delle Ginestre
quando viene il primo di maggio i compagni fanno festa…

E Giuliano lo sapeva che era la festa dei poveri,
una bella giornata di sole dopo tanto piovere,
chi ballava, chi cantava, chi accordava le canzoni
e le tavole apparecchiate con nocciole e torroni!

Ogni asta di bandiera era zappa, braccia e mani
era terra seminata, pane caldo, forno e grano

La speranza di un domani che fa del mondo ua famiglia
la vedevono ormai vicino già contavano le miglia,
l’oratore di quel giorno era Jacopo Schirò,
disse appena: « Viva il primo maggio », e rimase senza parola..

Dal monte della Pizzuta che l’altura più vicina
Giuliano con la sua banda scatenò la carneficina.

A tappeto e a ventaglio
mitragliavano la gente
come una falce che miete
con il fuoco tra i denti
C’è chi piange spaventato,
c’è chi scappa e grida aiuto,
c’è chi alza le braccia
invocando protezione.

E le madri col fiatone
con il fiato – ma senza più fiato
– Figlio mio, (hai) corpo e braccia
un groviglio di piombo!

Dopo un quarto d’ora di quell’inferno, vita, morte e passione
i briganti se ne andarono senza più munizioni
rimasero in mezzo al sangue e all’erba del piano
venti morti, poveretti, che volevano un mondo umano.
E nell’erba li piansero madri e padri inginocchiati
che baciandoli gli lavarono il viso con le loro lacrime.

Epifania Barbato accanto al figlio a terra morto dice:
«Ai poveri persino qua gli fanno la guerra… »
Invece Margherita La Glisceri che era lì coi suoi cinque figli
era stata colpita a morte, e nel ventre, aveva il sesto figlio…

Da quel giorno succede che a Portella, chi ci torna dopo tanti anni
vede i morti in carne e ossa, testa, volti e gambe,
vivere ancora, ancora vivi e può sentire una voce fra cielo e terra
che grida: O giustizia, quando arrivi?
O giustizia quando arrivi?!!

Annunci
Informazioni su fondazione nenni ()
Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: