Ultimi Articoli

Attenti, il clima sociale peggiora sempre di più


-di SANDRO ROAZZI-

Sull’occupazione il Governo continua a vedere il bicchiere mezzo pieno. E può anche essere compreso, ma non fino al punto di vedere un futuro roseo come si potrebbe essere portati a credere. A febbraio, secondo l’Istat, la disoccupazione scende all’11,5% dall’11,8% di gennaio ed ancor più cala quella giovanile al 35,2% (ovvero un significativo -1,7%). Un dato che va accolto come un segno di speranza ma senza avventurarsi in entusiasmi davvero fuori luogo. L’occupazione resta stabile su gennaio, mentre cresce ovviamente sullo stesso mese di un anno fa. Ma la tenuta, ora, si deve a due fattori poco entusiasmanti: si espande nuovamente il lavoro a termine e soprattutto la tenuta della occupazione si deve in larga parte agli ultracinquantenni, quei lavoratori che non possono andare in pensione.

È impressionante constatare come se i giovani al lavoro (ma quale lavoro?) fino a 24 anni sono aumentati di 15 mila unità, le classi di età che dovrebbero essere la punta di diamante dell’occupazione, vale a dire quelle che arrivano dai 25 anni fino alla soglia dei 50 anni, registrano flessioni per complessive 124 mila unità. Ancora più eclatante poi è il dato positivo degli ultracinquantenni: +402 mila unità. Uno scenario assai poco equilibrato che dovrebbe far meditare più che spingere sull’acceleratore dell’autocompiacimento. Dove porta infatti questa tendenza senza politiche del lavoro incisive, senza investimenti forti, senza realizzazioni rapide, senza un’economia del sud che riparte davvero?

Il rischio è quello di creare una enorme sacca di lavoro maturo senza sbocchi, di perdere professionalità e posti di lavoro nelle fasce di età che una volta erano le protagoniste dell’economia e della produzione, di illudere tanti giovani per qualche anno ma senza prospettive davvero stabili. L’attuale Governo fa e farà quel che può, ma è indubbio che dovrebbe almeno prestare attenzione ad un altro dato per nulla tranquillizzante: quello che attesta la crescita degli inattivi e che anche per tale motivo riduce il valore della diminuzione della disoccupazione. Se aumenta il numero di chi non cerca lavoro perché pensa di non trovarlo, questo vuol dire che il clima di fiducia nel Paese non sta risalendo su questo versante. Ed è un problema col quale confrontarsi senza perdere tempo. E non ognuno per conto suo. Anche perché il clima sociale si sta deteriorando visibilmente mentre il palcoscenico della politica è tuttora affollato di litiganti, ma è povero di chi dialoga, propone e si interroga davvero sul futuro.

 

 

Advertisements
Informazioni su fondazione nenni (1899 Articles)
Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: