Ultimi Articoli

Trattato di Roma: per rifare grande l’Europa…


-di ANNA DIAMANTOPOULOU-*

Essendo prossimi alla celebrazione del sessantesimo anniversario della UE, il progetto europeo è più che mai al centro del pubblico interesse. E questo non è un altro luogo comune. Le evoluzioni della scena globale e alcuni eventi che sembravano inimmaginabili fino a poco tempo fa, manifestatisi al culmine della crisi finanziaria, hanno rivelato le debolezze intrinseche che continuano a scuotere i sistemi politici in tutto il continente.

A questo punto e nel contesto attuale la crisi è diventata veramente esistenziale con conseguenze scoraggianti. La strada da percorrere è senza dubbio dura e richiede determinazione e azioni collettive. Nel momento della elaborazione di questo post, una semplice ricerca su Internet sul tema della “dissoluzione dell’Unione europea” rivela 18.900.000 risultati, mentre il tema “Ue in crisi” produce 152.000.000 di risultati in meno di mezzo secondo. Tutto questo è sicuramente un invito all’azione!

Dall’altra parte dell’Atlantico, un messaggio semplice ma potente ha preso piede catapultando il suo “messaggero” alla Casa Bianca: “Facciamo grande l’America di nuovo”. Un messaggio positivo per la nazione americana, ma che comporta ostilità verso tutti gli altri in quanto il concetto implicitamente sottostante è quello di una “grandezza” che produce benefici a favore degli Stati Uniti contro tutti gli altri. Una dimostrazione classica di un ‘noi contro loro’ mentalità amplificata dalla frustrazione, dall’ignoranza, dalla mancanza di conoscenza e dalla miopia.

Azione progressista

“Fare l’Europa ancora grande” è la nostra risposta alle molteplici sfide e minacce che l’Europa deve affrontare. In netto contrasto, tuttavia, con quella americana perché il nostro messaggio è progressista, sia nello spirito che nell’azione concreta; si combina con l’impegno e con un’idea di progresso che rispetta principi e valori. Pensiamo a un’Europa capace di produrre uno scatto progressista in continuazione con le tradizioni provenienti dal nostro passato: la civiltà greco-romana, la Rivoluzione francese e l’Illuminismo, lo stato sociale, il rispetto dei diritti umani e una elevata qualità della vita. Questo è un sogno veramente europeo, collettivo nella sua concezione e senza quei cedimenti all’individualismo che il sogno americano esalta.

Rinvigorire la nostra visione europea presuppone un impegno e delle scelte in queste sei direzioni:

1) politiche volte a garantire la difesa e la sicurezza dei cittadini (dalla cyberguerra alle minacce terroristiche) e la collaborazione, senza divisioni tra gli Stati membri.

2)Un’unione economica, una vera e propria unione bancaria, un bilancio comune destinato alla riduzione delle disuguaglianze interne e tra centro e periferia. La forza trainante alla base dello sviluppo dell’integrazione è la valorizzazione della competitività dell’UE con politiche che promuovano una crescita per un futuro prospero e sostenibile.

3)Passi coraggiosi verso l’irrobustimento della democrazia e il rafforzamento dell’identità europea accompagnati da azioni concrete per dimostrare ai cittadini dell’Unione che al di là delle loro differenze e dei confini geografici esiste un interesse comune.

4)Uno spettro di politiche efficaci e collaudate per giovani e bambini per contrastare gli effetti dell’invecchiamento della popolazione europea e le negative conseguenze demografiche.

5)L’impegno per il raggiungimento dell’obiettivo di rendere l’Europa un faro di innovazione e tecnologia attraverso l’abolizione di qualsiasi tipo di barriera o confine nazionale tra le università del continente e tra gli istituti di ricerca

6) In questi tempi in cui alla geopolitica viene assegnato un compito di primaria importanza, l’Europa dovrebbe puntare a svolgere un influente ruolo di attore globale al fine di garantire la pace e la stabilità mondiale attraverso un impegno ostinato, tranquillo e accorto.

Attraverso i numeri 2 e 6, l’Europa sarà in grado di assicurare assistenza alle economie regionali in Africa e in Medio Oriente per farle prosperare in una condizione di pace. Questo è l’unico modo per fermare l’ondata di milioni di rifugiati e migranti che promettono di giungere sulle coste europee nei prossimi anni.

Nessuna nazione può stare da sola

La scuola di pensiero progressista ha anche il compito di spiegare con il confronto che nessuna nazione in questi tempi globalizzati può reggere consapevolmente da sola all’interno della corrente principale in questi tempi globalizzati. Le più grandi nazioni europee insieme rappresentano appena l’1% della popolazione mondiale. Solo uniti gli europei possono far sentire la propria voce, essendo sicuri che le proprie parole vengano prese in considerazione e i propri interessi tutelati nel mutevole scenario globale.

La nostra forza viene dai valori e dai principi fondamentali che sono già nello spirito collettivo dei cittadini europei. Quindi possiamo davvero tornare alle radici. Il nuovo risveglio, tuttavia, richiede strategie e tattiche diverse e supplementari.

In primo luogo, dobbiamo riconoscere le motivazioni alla base dei problemi dei cittadini. La risposta più semplice sarebbe quella di riproporre l’austerità, ma non è sufficiente: i cittadini denunciano un vuoto di potere, si sentono ignorati, abbandonati, ansiosi, impotenti di fronte al proprio futuro e, citando Jacques Delors, emerge una “distanza crescente tra governati e governanti”.

La direzione progressista avanzata è semplice e chiara. Il nostro dovere è quello di rendere il progetto europeo e la sua visione chiara ai cittadini, in modo che possano interpretarla, comprenderla e accettarla come parte del loro futuro. Questo è un compito particolarmente difficile perché il messaggio deve essere portato a conoscenza di tutti i settori della popolazione. Dobbiamo dimostrare e convincere i cittadini che uno Stato forte non può esistere senza una forte UE, che una ripresa sostenibile, la prosperità e la realizzazione delle attese nazionali possono essere assicurate solo attraverso il dispiegamento per intero delle potenzialità del progetto europeo.

Come può essere raggiunto l’obiettivo? Forse seguendo ciò che la scienza ci dice: trasmettere messaggi in modo efficace. La chiave per convincere le persone ad ascoltare, collegare e identificare è quello di dare risonanza emotiva alle nostre proposte, arricchendole con un adeguato simbolismo. Il nostro arsenale per fare appello alla coscienza dei cittadini europei deve contenere questi due potenti strumenti.

Abbiamo nelle nostre mani la possibilità di poter sfruttare, ancora una volta, le sagge parole di Jean Monnet: la gente “agisce in uno stato di necessità e di solito riconosce la necessità solo in una situazione di crisi.”

Quindi, “Carpe Diem” progressisti europei! Facciamo di nuovo grande l’Europa! Facciamola secondo il metodo europeo. Cerchiamo di “fare grande l’Europa di nuovo” per il bene di tutti, non solo per il nostro.

*Postato il 1° marzo 2017 su Progressive Post magazine della Feps (www.progressivepost.eu)

Advertisements
Informazioni su fondazione nenni ()
Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: