Ultimi Articoli

Gorsuch, il guerriero ideologico contro le donne


-di DONATELLA LUCENTE-

Neil Gorsuch, il 31 gennaio è stato scelto dal presidente Trump come giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti. In attesa di conferma da parte del Senato, si è presentato ieri al suo prim hearing, seminando un certo sconcerto per le dichiarazioni piuttoswto sessiste.

L’eco è stato amplificato da quanto nel frattempo aveva fatto circolare National Public Radio. Il giudice, fervente cristiano, durante la lezione di etica e professioni all’università del Colorado, ha espresso con nettezza posizioni sulle donne che non stanno né in … cielo e figurarsi se in terra. Ad esempio ha affermato che le donne sono abituate a non praticare l’etica, ingannando i datori di lavoro sulle loro maternità attese. Accetterebbero incarichi senza rivelare di essere in gravidanza o di progettare gravidanze.

Il giudice ha chiesto agli studenti di alzare la mano nel caso fossero a conoscenza di donne che avessero usato l’azienda per ottenere benefici di maternità. Ne era seguita agitazione in classe e Gorsuch, discutendo con gli studenti, aveva affermato che avrebbero dovuto tutti alzare la mano, visto che le donne manipolano le aziende per farsi assumere e quindi mettersi in congedo di maternità retribuito.

La proposta “etica” del giudice era che le aziende dovrebbero detenere il diritto di chiedere alle donne i progetti di sviluppo familiare, e solo dopo decidere se assumerle o meno.

Schierarsi con gli interessi dei datori di lavoro chiedendo alle donne di rivelare i loro progetti di famiglia, è spaventosamente sessista. Non sorprende quindi come la scelta del “guerriero ideologico” Gorsuch abbia destato forte sbigottimento e sollevato durissime reazioni. La figura del giudice appare un’appendice del pensiero trumpista. Da quando è presidente, Trump si affanna a firmare leggi e decreti che attaccano i valori fondamentali sui quali si è costruita la cultura giuridica degli Stati Uniti negli ultimi decenni: il curriculum delle sentenze di Gorsuch, deve averlo convinto che era l’uomo giusto da mettere nella Corte Suprema a salvaguardia di questa linea.

Andrebbe ricordato ai due che fare domande sui progetti di gravidanza, è vietato dalla legge, in particolare dall’articolo 27 del Codice delle pari opportunità, che recita: “E’ vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l’accesso al lavoro, in forma subordinata, autonoma o in qualsiasi altra forma, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di attività, a tutti i livelli della gerarchia professionale.”.

 

 

 

 

 

 

Annunci
Informazioni su fondazione nenni ()
Via Alberto Caroncini 19, Roma www.fondazionenenni.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: